domenica 5 maggio 2013

: L'altare di Sabbia : seconda parte

si conclude il racconto della piccola bimba con la seconda e ultima parte dell'altare di sabbia
qui il link diretto
















sulla mia pagina facebook spiego un po' di curiosità e informazioni nascoste che si celano dietro questa storia da leggere in aggiunta alla lettura dell'altare di sabbia. che sia davvero finita con questo racconto della protagonista o meno, lo scoprirò io stessa solo vivendo. nella mia testa ho tante idee scombinate... vedremo. quest'illustrazione è un extra che ho voluto fare per comprendere nel progetto una dedica alla mia dolcissima micia che non c'è più.

5 commenti:

GiuliA ha detto...

commento di GiuliA sull'altare di sabbia - Tomo I

ricordo quel giorno in cui entrai sul sito di asu per leggere la sua ultima fatica...

no ok mi sono già rotta XD andiamo al sodo.

trovo che il mezzo illustrazione dia una libertà di esprimersi tutta particolare e in qualche modo inconscia, che noto anche qui. il fatto di focalizzare tutta l'attenzione in dei momenti salienti della storia, che però rimangono quasi sempre di pura narrazione e non di azione, ti hanno dato la possibilità di esplorare ed evocare quel mondo che ti è caro.
e ti è riuscito, perchè è un po' come stare lì in mezzo, nell'antico egitto, soprattutto nel deserto notturno delle prime illu, e poi nell'ultima della tomba, evocativa per eccellenza.
hai reso benissimo la notte, e ancora meglio la sabbia; la seconda illu è la mia preferita e credo uno dei disegni migliori che tu abbia mai fatto.
la sabbia è fantastica, fredda e dorata insieme e riflette la luce della luna. giuro che sembra vera e potrei toccarla. peccato non averla vista ancora di più, questa sabbia, che dopo le prime tre illu si perde un po' mentre avrebbe potuto essere il tema visivo portante della storia. mi sembra anche - correggimi se sbaglio - che sulle illu notturne tu ci abbia lavorato particolarmente, nel senso che gli hai dedicato più tempo: erano quelle che venivano prima dell'interruzione forzata causa hard-disk, o altro? è anche possibile che quelle diurne mi incantino di meno. cmq i colori freddi sono il tuo forte :) sulla notte vai fortissimo e anche la cover e la dedica sono adorabili.
anche lei mi piace molto, anche se più che altro dal punto di vista estetico perchè non ho avuto esattamente modo di affezionarmi al personaggio, dato che la narrazione è neutra per quanto la riguarda.
la storia come ti dicevo dà quel senso di mistico e di sospensione, mi sembra quasi come se venisse raccontata da un'eco o dal vento e non da una voce. poco da dire sulla trama, che per quanto mi riguarda può pure passare in secondo piano, perchè quello che mi colpisce sono più le sensazioni che cerchi di suscitare, aldilà dei fatti veri e propri che racconti.
ho letto anche i "dietro le quinte" - chiamiamoli così :D
beh se non c'era la tua spiegazione ovviamente era impossibile capire la cosa del titolo, credo che nessuno avrebbe mai potuto fare di sua sponte tali arzigogoli XD oltre te che li hai pensati, ovvio. cmq è interessante, arricchisce e incuriosisce leggere cose di questo genere, tipo "i segreti della tomba" °-° cmq il non saperlo non impedisce la fruibilità dell'opera, e va bene così.
ci sta anche il finale aperto, che a leggere la storia aperto non sembra, ma che tu dici essere, da concludere o meno che sia in un futuro...
quel che conta è che hai chiuso questo bel capitolo con un prodotto che ti identifica e valorizza le tue capacità: ora portalo in giro, fallo vedere! hai studiato questo mondo e se continua ad affascinarti è un punto di forza. non dico necessariamente questa storia e lei... capito, no? ;) peccato che io abbia perso tempo a fare cose belle ma che non mi appartenevano, avrei dovuto avere il coraggio di studiare chimica o matematica o anche mitologia greca e non restauro, almeno a quest'ora avrei un bagaglio più completo e personale. ma non è mai troppo tardi per fortuna :)
brava asuliny, bel lavoro, continua a spammare anche dove hai fatto vedere rem e namie, questa è una terza cosa diversa e chissà che non piaccia, speriamo!

GiuliA ha detto...

commento di GiuliA sull'altare di sabbia - Tomo II

ci speravi eh? scordatelo =_= vado a nanna z_z

asu ha detto...

ohhhhh che bellezza tomizzami tuttah /°°/
sei uno sballo quando t'impegni!

non avrei mai immaginato che la seconda illu suscitasse una preferenza rispetto alle altre, sei la seconda che me la fa notare e io non ci ho speso granché, nemmeno di attenzione. diversa storia per la cover che ho strapensato e su cui ho decisamente lavorato. come sempre capita ti accorgi d'imperfezioni poi, ma vabbè ormai è fatta. la sabbia l'ho persa un po' per strada ma è sfuggevole di suo quindi non me ne faccio una colpa XD hai perfettamente ragione e graficamente parlando poteva comparire più velatamente ed esserci sempre in modo da funzionare come filo conduttore come dici. di queste perle ti rendi conto sempre dopo. mea culpa essermene stancata e aver voluto finire la storia pensando prevalentemente a farlo. stacchi tra le prime e ultime illu si notano, io preferisco sempre le ultime. nella penultima in particolare mi ha aiutato tantissimo dede e senza i suoi occhi attenti non avrei reso quell'immagine così. mi piacciono elementi qua e là. la mia chicca resta l'aver pensato in quel dato momento l'occhio-luna invece del più noto occhio-sole ** inoltre non riesco a non amare quel cobra nonostante mi ripugni e m'infastidisca come animale. sicuramente è un elemento che tornerà se mai farò un sequel che mi piaccia o meno disegnarlo.

Htp non è un personaggio nato con lo scopo di affezionare, bensì distaccare. lei narra del suo mondo in modo piatto e distaccato perché dopo secoli quel suo esistere non le appartiene più. fa fatica a ricordare com'era la sua vita anche se i frammenti di ricordi non sono completamente perduti. ti fa pena forse quando dice che è stata venduta per un cobra e tre ceste di datteri ma era normale amministrazione… beneficiava di amore paterno e ne è stata privata, ma nella mia mente quell'amore era qualcosa di esclusivo. l'ho privata di quell'esclusività e l'ho resa più comune. non riesco a vederla come un personaggio a cui voler bene, in un probabile sequel non la vedo piccola e indifesa, nemmeno buona e caritatevole. vedo solo una maledetta piccola bastarda XD detto scherzando ma nemmeno tanto, potrebbe creare parecchio scompiglio in quel mondo affascinante che è l'antico egitto.
io la porta gliela lascio aperta perché non ho mai smesso di pensarla, ma oggi voglio fare dell'altro e proporre altre storie brevi sia in racconto illustrato che tradotto in tavole e quindi in forma di fumetto.

il titolo è un trip assurdo e non è che faccia tutti i titoli così anzi XD diciamo che quello andava spiegato. è una cosa in più e a mio avviso divertente da anagrammare. temo che gli anagrammi torneranno che in altre storie per nascondere piccoli significati che fungono più da contorno che da vere e proprie rivelazioni sulla storia. giocare con i significati delle parole mi ha sempre affascinato quindi è una caratteristica che mi appartiene, anche solo nell'assegnazione dei nomi ai personaggi, ne sai qualcosa con rem XD

pensa dopo anni di disegni e storie campate sempre per aria è la mia prima storia completa e leggibile. mi sembrava che giusto iniziare con qualcosa che fosse inerente ai miei studi… è vero, studiare si può tutta la vita... quindi pensa se mi mettessi seriamente con l'astrofisica *O*

Amina Havet ha detto...

Ciaoooooooooooo :)
Come accennato su twitter complimenti per la storia ma soprattutto per l'uso dei colori!!! Adoro il tuo stile :D

asu ha detto...

amy stella!!! grazie di essere passata sul mio blog *_________* lo apprezzo tantissimo! :***

ho sperimentato tantissimo col colore soprattutto nelle ultime illu. mi diverto sempre un mondo \*w*/